Prima che la pioggia

 

Dei picchi è la strada

unica di questi rari sorrisi

dove la vera identità

non è la maschera

e anche indietro s'avanza.

Saliscendi quasi sempre.

E puoi anche sostare

dunque.

Tanto non c'è il fiato grosso

che non ti fa arrivare

per il gioco del traguardo.

Quello è l'altrove

con un tratto di aggettivi scamiciati

e si frana al senso del naufragio.

E non ci sono porti

là.

Qui la sabbia che va tra i sassi

per mano d'uomo

offende l'onda lunga

che la raccoglie a sé

e già esonda

al maestrale vociando

il suo bisogno d'aria.

Eccola.

Prima che la pioggia dello sfratto

porti via tutto

per ogni nube

a ogni sorso.

Altre opere di questo autore