L'amica di paura

 

Si svolge la notte

l'amica di paura.

È di affinità e di affetto

che cerca il cappello evasivo

da passeggio

contro un bicchiere triste

gatto sul topo facile.

Solo le sue mani

sono capelli biondi e lisci

un dietro l'altro folli

che cadono emozioni di seduzione

sfrontato sorriso.

E scende verso il sole

che non dorme

con i suoi stessi raggi.

E vasta è l'aria

da percorrere a piedi

fra il suo bisbiglio

e gli occhi ad un orizzonte sperso.

Domande respirate ovunque.

Noi stessi col suo passo.

Nell'incertezza via.

Altre opere di questo autore