Un argine casto

 

Respirano salso nel navigante grate

le sigarette che stringono il timone

cercando stelle che si spargono

nel mare vivo di solitudine

che non ha un nome con il suo occhio.

In una foto l'amore

che ha tempo d'aspettare un sorriso di fine viaggio

dove esitano i sogni che si destano ombra

della luce d'un faro.

Passa per mano l'avanzare laccio di memoria

cercando l'immaginazione nelle alcove

finché vede un argine casto

come il primo seno fanciullo.

L'illusione della sua guancia

piana senza profilo

alle volte appare.

Cadenze.

Altre opere di questo autore