I POTENTI

Grande sei, o Re cinto di potere di corazze rivestito mentre le guardie in armi rendono il tuo regno a molti nemici inviso e dall'alto del tuo scranno sempre vivi la paura che una serpe s'avvicini e il filo tuo recida dentro quelle stesse mura ed io che da quaggi? ti guardo io che non sono niente non ho da perder regni o aver timore della gente io che son nessuno e nulla da salvare ho lo stesso tuo potere sempre a tirar a campare ma vivo pi? felice sotto lo stesso cielo io che guardarti posso e farti un sorriso vero.

Altre opere di questo autore