Invadente luna

Eran rosse le labbra e parlavan d'amore, distesa su me d'aliti ardenti avvolgevi i miei intensi sospiri, una luna invadente spiava dalla finestra sul tetto, seguendo il battito d'ali d'anime avvinte nel letto strette le mani timorose di perdere il cielo, le bocche allacciate a cercare sapori dal fascino alieno, la tua pelle di seta premeva con dune di fuoco, avvinghiata al mio corpo il mio essere in te riempiva il mio senso di vuoto esploso ? ora il cielo in vampe di fuoco d'estate, con forza mi stringi come ad evitar stelle cadute, il respiro ha il calore di un vento dei deserti lontani, ma in quest'ora d'amore dei tuoi capelli mi riempio le mani.

Altre opere di questo autore