L'Ambra Sbiadita

Mentre l'acqua la veste lambisce
e il profumo di lillà mi regala i ricordi
sveglio l'alba.

A piedi nudi nella luce rosata
nel percorso tortuoso d'una ripida ascesa,
ferita, all'ultimo sospiro confido il segreto.

Dall'oriente un sorriso
con forza mi accoglie
di spezie e d'ambrosia mi colma le labbra.

Rivive il calore nel grembo ingannato
espugna la tinta
d'un ambra sbiadita.

E quando il fiore s'apre al suo sole
e la rondine nel cielo più alto sorvola
è amore.

Ed è musica nel cuore.

l.r.

Altre opere di questo autore