La mia poesia

La mia poesia si pente d'esser tale,
sfoglia nel vento pagine incollate
mescola acini di tiglio e di gramigna,
alla rinfusa trova le parole.


Scivola sui vetri del perenne autunno,
dentro le nebbie di una confusa vita
la mia poesia piange sull'inchiostro nero,
mentre sbiadisce l'oro d'un pensiero.


La mia poesia tace tra le virgole,
privata d'un fonema che non ha luce
quando la primavera sboccia la ginestra,
sull'orizzonte che mi vede ansante.


La mia poesia si poggia sul tramonto
coperta dal rumore dell'inconscio
e scorre lenta dentro rivoli di pioggia,
la mia poesia parla nel silenzio.

 

 

Altre opere di questo autore