Muta poesia

Muta poesia, che riecheggi tra lacere membra, ostentate al dolore di quel tempo effimero; rievoco mutevoli echi in lontananza, come ora ? il presente ?di questa mia.

Altre opere di questo autore