Le case

Quanti gusci di mattone e cemento abbarbicati sulla costa come mitili allo scoglio, l'uno accanto all'altro, come tanti nidi in schiera rifugio di sogni e di segreti. La nostra intimit? ? la vera ragione dello stare al mondo, non il girovagare sotto questa volta di cielo troppo grande. L'immensit? ci rende diluiti persi, alla deriva, in mezzo ad un mare da naufragio. La vita scorre ogni giorno, impetuosa e travolgente, e poi la notte ristagna e imputridisce come una pozzanghera dimenticata. L'animo nostro trema di paura dinnanzi al grande, all'infinito, all'eterno, all'imponderabile. Tornare a casa ? la nostra meta, un piccolo mondo a nostra misura per ritrovarci tra le cose che conosciamo, tra i ricordi, tra gli affetti. Un amore creduto disperso per il mondo si ravviva , intorno al focolare rinasce la certezza: quel nostro sogno di dolcezza adagiato tra le pareti del cuore.

Altre opere di questo autore