Tempesta

Soffocante si erge nel cielo una fortezza dalle mura plumbee simili ad ombre terrene varchi si aprono al suo interno il soffio del sole morente traccia sui bastioni strisce color d'ambra e venature come di sangue fresco cupi in lontananza s'odono i rintocchi delle campane uno stormo di uccelli atavici araldi della tempesta si libra basso nella volta celeste disegnando con il suo incedere antiche figure colme di terrore lacrime scendono copiose da ci? che sembrava inerte ed un singhiozzo tetro non dissimile per effetto dal pi? maligno dei tuoni squarcia l'apparente calma della natura protesa in ascolto ecco levarsi dalle burrascose onde una marea di spiriti in eterna lotta dagli squarci nei loro fianchi sprizza un liquore argenteo che si spande sulla riva color d'ebano per poi dissolversi senza mai pi? tornare

Altre opere di questo autore