Il paese di stoffa (San Giuliano di Puglia)

Dai rottami congesti, uno sciame leggero s?? librato, erano gli angeli del ?96, ora fanno il girotondo su un paese di stoffa canuto e disameno, tutt?intorno polverosi brentoli di muri tirati su col sudore della fronte. Mentre le tenebre, calano impetuose, la doglia si acerba e prosciuga anche l?ultimo pianto. Rannicchiato su un letto di fortuna un silenzio provano urla l?ambascia cercando in un sogno l?illusione, ma si inchioda a un riverbero di morte e l?incubo riaffiora? riaffiora desolato. Dormi fratello mio non disperare, domani, insieme aggiusteremo il mondo. Oggi, con te, anch?io ho versato lacrime di mamma, non gioveranno certo a darti un tetto ma insieme, in un abbraccio di speranza, nuovo vigore ti regaleranno.

Altre opere di questo autore