Il tuo nascere

Risalivi la tua strada per posarti nel mio grembo. Eri acqua, eri sole eri vita dentro me. Un gomitolo di cielo disteso sulla mia terra. Eri uomo nei miei sogni saggio di parole guerriero e un po? poeta. Ma nel mio fantasticare, non scorgevo mai i tuoi occhi n? il colore dei capelli ma le mani quelle si, erano calde, sempre strette nelle mie. Non lasciavano la presa nel lungo nostro andare e seduti ai margini del tuo mondo mi parlavi dell?assoluto amore che io ti ho regalato di cieli che non potr? conoscere Poi un fremito di ali nel vuoto del mio grembo uno schianto di emozioni e tu gi? tra le nuvole Volavi dal tuo nascere.

Altre opere di questo autore