Coscienza

Urlavo senza udire la mia voce in quel muto e nascosto angolo di terra dove alberi secolari si abbracciavano tra loro. Per tutto il tempo che sono rimasta laggi? non ho visto raggio di sole capace di penetrare l'ombra che si estendeva come un manto n? percepito odore di pioggia pronta a bagnare il suolo. Ero un involucro di carne pensante Pesavo meno di un pugno di sabbia senza gambe e n? braccia ma riuscivo ad urlare senza udire la mia voce In quel muto e nascosto angolo di terra tu eri passato come il vento sfiorandomi l'anima, ed in un istante avevi tolto il suono alla mia bocca e tagliato le forze alle mie membra lasciandomi soltanto una coscienza che sapeva d'amaro la coscienza di averti amato.

Altre opere di questo autore