A te madre

L’ orizzonte è ben lungi dal tuo cuore

  come il vento

pieno d’amore dolente

cerca di raggiungerti

nell’umile dimora.

Alle ginocchia mi pongo

per donarti un bacio e carezzare

il segnato volto

teneramente la mano sul mio capo tendi

anche tu colma di gioia.

E’ solo illusione

l’azione non è realtà

sei lontana dai miei occhi.

D’improvviso ti sento accanto

mi insegni ad andare avanti.

Solo tu madre

puoi spaziare tra le vie sublimi del Creato.

 

(Foto personale)

Altre opere di questo autore