Senza macchia e senza paura

   Di certo ho mangiato
qualcosa che mi ha fatto male
Ho respirato un venefico miasma
Ho bevuto una pozione magica
Qualcosa deve essere successo,
o sono sempre io e come al solito
mi ritrovo ad essere
un cavaliere solitario d'altri tempi
che offre il suo mantello
a quelli che lo chiedono
e alla fine arriva la verità
come una luce immensa
a rischiarar la mente
e a sollevare il cuore:
chi ha grandi spalle
è necessario che sia solo.

Altre opere di questo autore