Mandami un saluto

Mandami un saluto Che mi elevi al di sopra degli umani eventi Affinch? la dimensione del comune respiro Sia anche quella dell?orizzonte che speriamo di riflettere inseme Accendi la luce che ? in me Con il canto della tua voce Come due buoni amici Che seduti insieme allo stesso tavolo della vita Bevono l?ultima goccia di verit? L?unica rivelata ad essere sinceri Che ? quella che esprime l?immensa voglia che ho di te Voglia di tutto Voglia di dare un senso all?ultimo anno solare Quando per caso ora o un po? di tempo fa Ho come la sensazione di vederti li seduta Insieme vicini e lontani in uno stesso assurdo locale Lontano mille anni da casa E rimanere a guardarti di spalle Sperando o non sperando che prima o poi ti volterai E senza potermi riconoscere Mi saluterai guardando dentro l?anima E li vorrei morire ed essere redento e dannato All?ombra di un ricordo senza fine e senza tempo Non c?? e non c?? stato istante In cui non ho poggiato alla base del mio collo l?ultima goccia di un profumo Che mi racconta di te Per poter volare con te su ogni strada camminata, battuta, percorsa e persa. Non c?? e non c?? stato istante In cui non ho fatto altro che guardare Il sottile filo di arianna sparso a ritroso nei miei anni Per raggiungerti nel tempo, ogni volta E ogni volta per non perdere la strada del ritorno che mi porta a te. Non c?? e non c?? stato istante In cui in ogni promontorio Ho fermato la mia corsa Per sperare che ogni orizzonte mi raccontasse La tua storia E io a lui, ultimo e fedele amico La mia, ancora pi? strana. All?ingresso di un tempio un monaco mi saluta con un cenno di pace E mi rammenta che la via della mia dimensione ? la irraggiungibile non azione Ricambio il suo saluto viaggiando ancora una volta dentro me stesso Dentro il mio cuore Dentro l?anima fino a scendere nei sui pi? nascosti angoli Ed ancora una volta ti trovo li al centro di ogni mia attesa Di ogni mia volont? Di ogni mio pensiero Di ogni mia azione Di ogni mia impresa Di ogni mia impossibile e ultima missione di guerra Di ogni mia alternativa e di ogni mia vita parallela E ogni dimensione da me creata Concide esattamente con la tua immagine Cammina con me questa notte Lungo il sentiero strano della speranza Io con le mani in tasca Ti tendo un palmo E tu timidamente avvicini la tua Sempre di pi? Fino a che la silenziosa luna Diviete unica testimone di ogni pi? impossibile alternativa Nessuno voglio pi? intorno a me Se non te e unicamente te Perch? in te mi perdo E mi perdo per sempre sulle tue labbra In un bacio Che non sar? raggiunto pi? Dai ghiacci dell?inverno Fammi affidare, ti prego Ancora una volta La sacra fiamma che ho custodito per una vita intera Al cerimoniere del tuo cuore.

Altre opere di questo autore