Cosa sarai

E? facile dire cosa sei ora per me O cosa penso Ma provo, alla vigilia del grande caldo solitario A pensare a cosa sarai Sarai il sole che brucer? questa estate E sul quale l?estate morir? Sarai la brezza calda prima del tramonto Verso la quale socchiudere gli occhi Aspettando che la stessa mi sussurri dolcemente il tuo nome Sarai l?onda fresca Che raffredder? i miei piedi E che si infrange sempre uguale sul bagnasciuga Misurando con il suo ritmo l?universo E che sale su, ristorando il cuore, l?anima Piano piano Lieve , lieve Come piano e lieve ? il tuo passo dentro di me Sarai il bacio lanciato prima della partenza E che rimarr? dolce segreto dentro di me E come un pezzo di te Lo porter? ovunque andr? Nella speranza o quasi certezza che sei li A vedere le stesse cose che guardo io A piangere la stessa lacrima A guardare dall?alto dello stesso promontorio Il punto in cui Mare e cielo hanno lo stesso colore In cui si perde ogni sogno Sarai i miei passi sul selciato rovente della citt? deserta Mentre da solo porto avanti la mia vita E sarai anche la prima pioggia di fine estate L?unica lieta notizia Perch? con quella ti vedo pi? vicina Sarai la musica che viene da lontano Dal chiosco vicino O , alla sera, dal vicino borgo Verso il quale quale corro Nella impossibile illusione di trovarti li In piena festa Un attimo prima per stringerti E un attimo dopo per amarti tra la gente Sarai la canzone che ascolter? sempre E che canter? un attimo prima di dormire Sarai il messaggio che non arriver? mai Perch? non merito tutta questa salvezza. Sarai la preghiera detta piano piano Come l?antica saggezza delle nonne Il giorno di ferragosto Alla ricerca di un passato mai avvenuto Fatto di mille e mille estati passate ad aspettarti, fatto di mille volti cercati di mille pensieri di mille attese di mille canzoni, di mille nuvole guardate di mille poesie scritte fatto della sabbia alla quale mi aggrappo con le mani come un gesto sciamanico che nessuno poteva capire simbolo del tempo nella clessidra che voglio fermare per contemplarti in eterno E a perderti sempre Ritrovarti ogni giorno In ogni sorriso, nel mio quando mi rido dentro solo pensando alle tue mani intorno a me e fino a cercare di non perderti mai pi? Non ho richieste, tranne una.. Non dimenticarmi tra la gente che non c?? Accoglimi nelle tue vesti leggere di mezza sera Tu me lo hai detto mille anni fa Hai sollevato le mie mani dalla solitudine Prima di andare via Se puoi o se vuoi, non lo so , scrivi il tuo nome sotto queste parole : per sempre e mai pi? mi devaster? lo sterminio di mezzogiorno fatto della solitudine di dove non ci sei.

Altre opere di questo autore