Un fiore per Kabul

Un fiore che brucia. Un bimbo che muore. Kabul oggi, Sarajevo ieri. Odio, violenza e sorrisi cancellati nel tempo. Fra qualche anno nella piazza di Kabul metteranno un monumento alla miseria umana; quattro bimbi di bronzo che giocano con una bomba che esplode. Sotto di esso in bella grafia: ? A perenne ricordo della miseria umana?. Questa ? la nostra civilt? vero? Possibile che il rispetto della vita altrui non sia radicato dentro al nostro cuore? Ogni essere su questa Terra ? un tutto unico ed irripetibile. Perch? tanta morte e miseria? La nostra vita ? accumulare, possedere, calpestare gli altrui diritti alla vita. Niente porteremo con noi., tutto di noi sar? dimenticato nel breve volgere di un battito d?ali. Ci sar? il giorno in cui l?uomo vivr? per dar vita ad altra vita. Ci sar? il giorno in cui il sorriso non sar? mai cancellato dalla follia omicida. C?? tempo purtroppo. C?? tutto il tempo.

Altre opere di questo autore