MISTER X

Sempre avvolto nella nebbia
infilzato alle spalle
da malizie velenose

Si trascinò senza nome
in un'esistenza di dubbi
nascondendo l'anima
da trappole che parvero
giorni e notti

Morì in solitudine
senza sapere
che arcieri di calunnie
non ebbero coraggio
di fingere un pianto muto

Poi l'erba del suo giardino
divorò ogni fiore a lui caro
e il suo cane disperato
continuò ad abbaiare
a lune finte
e....tutti...
se lo ricordano ancora
..il cane...senza padrone....
---------------------------------
Da:Vite Contromano
www.santhers.com

Altre opere di questo autore