SERA DI SETTEMBRE

Serata settembrina
vento emigrato
aria vitrea
ove s'infrangono parole residue
e scivolano sui piedi gommosi

Cenere il cielo
carboni di tepore le stelle
ognuna per un sogno
da plasmare all'anima
punzecchiata dal freddo
di sangue a rilento
in vene stese al non senso

Quiete e pace
bambagia al cuore
riposa finalmente
lontano da foto
d'occhi maggiordomi
d'avidi pensieri

Faina la noia
s'intrufola
dissangua ozio dolce,
scrigno di felicità
furtiva
mentre quella attesa,indotta
spesso esaltazione,
volo in alto
ad allungare tonfi
d'illusioni
--------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com

Altre opere di questo autore