L'ASINO E IL PAVONE

Dopo mille rimiri e ciance in un laghetto
un pavone invaso di vanità
sbeffeggiò un vecchio precario asino
..oh! turpe visione,spelacchiato
perchè t'aggiri nei paraggi
di cotanta bellezza a render netto
gli antipodi,grazia e disgrazia,
faresti bene ad adattare il tuo avanzato inverno
al macello unico premio di tua pseudo-vita greve
-Al che sconfortato l'equino rispose
....nel bene e nel male
io le mie stagioni l'ho attraversate,
a proposito hai mai visto uno del mio calibro
su qualche soprammobile?
a me spesso è capitato osservare
primavere esplosive della tua specie
imbalsamate in bella mostra in lussuose dimore
-All'udir tali parole il pavone
si tuffò fulmineo in una pozzanghera
e quando assunse aspetto di lercio cinghiale
proferì...a volte la bellezza divora riflessioni
e si fa bandiera di futilità assoluta
-Da quel giorno fece sempre bagni di fango
per acquisire qualche saggezza e nominò
suo maestro l'asino
-----------------------------------
Da:Soste Precarie
http://www.santhers.com/

Altre opere di questo autore