EPITAFFIO 34

Ineguagliabile poeta
ma
 talmente avaro e geloso
che per risparmiare
la metà del lenzuolo
e impedirmi l'abbraccio
di Morfeo
tutte le notti
con impeto
nonostanta al mio ansimare
al diniego
mi si adagiava sopra
-Come eterno fanciullo
a notte fonda
esclamava il numero dieci
nel suo conto di pecorelle,
esausto soave s'addormentava
...la vedova inconsolabile pose
......amen.................
-------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com

Altre opere di questo autore