CONFRONTI

C'è chi cammina su praterie scortato alle spalle
e chi funambolo a portare ogni sera a casa la pelle
i primi nel vanto di percorso sicuro sbeffeggiano altri
terrorizzati persino da uno starnuto,un prurito
-E' molto facile dissetarsi con acqua versata da servi
a confronto di attendere rugiada alla lingua
-Il dolore  degli ultimi non è trovarsi in impari sorte
ma vedere altrui immeritata gloria costruita
sul confronto al disagio
-Troppa gente per ammettere a se stessa di valere
scava all'oggetto di paragone fossa profonda
-Tanti padri in dubbia onestà regalarono agi alla prole
e questa dovrebbe avere almeno buon senso
di non fare degli sdoganati appropri gran merito proprio
anche per non togliere ai loro morti un dire "alla buona anima"
che non si nega nemmeno al peggiore dei bastardi
e poi ricordarsi sempre che sbuffi ai lamenti
piccoli fiati e se un giorno in coincidenza sommati
diventano terribile uragano ignaro d'ogni casta
--------------------------------------------------------------
Da:Pensieri Alternativi
www.santhers.com

Altre opere di questo autore