VALLE DEL SUD

Tra ondeggianti cipressi aghi di bilancia tra noia e inganno sperato plana un corvo paracadutato da una placenta di cagna, atterra sui suoi cimeli ossa ribelli spinte alla luce da scavo di talpe Nell'imbuto di valle raglia un mulo frusta una litania di vecchia in cerca di un cranio magazzino ai lamenti I fantasmi scrutano sul liscio selciato la firma dei passi di lontani parenti, -gli ultimi fiori posati piansero le mani al distacco e fuggirono dalle lapidi troppo sole a vegliare le salme in questo paese ove il silenzio ? abbandono e i morti vanno a caccia di un umano rumore che li continui al ricordo -------------------------------------------------- Da:Pietre e Utopie www.santherscom

Altre opere di questo autore