SENTIERO

Rintocchi di camapana
da chiese di montagna
elettrizzano la coda
ultimo orpello d'ostacolo
alla porta socchiusa
dell'estate

Litanie di sermoni
si propagano a voler riscaldare
l'aria che con spine di freddo
pungola i viandanti
claudicanti lungo il sentiero
dal misticoa al precario
biascicando preghiere
appena al labbro
arpionate dai ricordi

Lisci i ciottoli
si abbeverano agli sputi
e ridono allo scivolare
di una scarpa subito derubata
di un osso rotto dal selciato

Una bestemmia
la parola d'ordine per rialzarsi
e ne approfitta un dente a dileguarsi
corrompe con una finestra nera
il sorveglio all'anima
del sogghigno
-----------------------------------------
Da:Vite tremule
www.santhers.com

Altre opere di questo autore