TROPICI NATALI

Nell'alibi concordato in villa,ora guscio d'uovo non schiuso e da forzare, in questo freddo Natale che fa tremar le foto ai morti, pieno di luci che non arrivano ad abitudini,non accendono ricordi di desideri andati l'ultimo saluto di due bocche raggrinzite sulla pelle schifata Lui parte ai tropici a gustar genuine giovani carni servite nel piatto controparte d'elemosina e l'angelo d'acciaio che lo porter? allo sparo di decollo ti liberer? Signora a rimirar il prezzo pagato una pelliccia d'animale esotico ormai festa finita di mosche Nell'etica importante fingerai in mimiche di consumata attrice dolor d'abbandono,ansie incontrollabili per attesa di festoso ritorno sarai farfalla esule a polline nel tempo a marcia indietro e nel pensiero fisso parit? di corna e fuori sincronia i due amplessi distanti saranno cancellati al peccato con una statuina aggiunta al presepe e una mancia al portiere per l'occhio guercio ad occultare un minorenne esile con desideri ipotecati Al ritorno due dentiere lucide si faranno croce a seppellire il recente passato ------------------------------------------------ Da:Pietre e Utopie www.santhers.com

Altre opere di questo autore