ASTRI

Amore l'altro giorno ti ho scorta sul lungomare di Rimini tacchi a spillo e labbra al sangue regalavi gli occhi ai finestrini il culo al mare e i denti alla luna, al chiederti come va hai risposto il corpo mangia e per farlo deve lavorare e ognuno lo sforzo lo fa con la parte pi? allenata, poi si ? fermato un tassista che non avevi chiamato ma con licenze alla tasca per andare stavolta a dare tutto alle stelle -Mi sono rivolto agli astri che contavano le marchette nel bordello del cielo e la vecchia maitresse gialla e rotonda metteva in cassaforte i diamanti di pianto congelato e schierate le cortigiane sotto una coperta blu li sorvegliavano -Ho capito n? in cielo n? in terra la parola amore avrebbe fatto da benzina al cuore per arrivare a un astro dal nome millenario appena dietro l'orizzonte muro d'anima buia solo per accendere un pensiero di un minuto e chiamarlo ...elicit?.... ------------------------------------------------------ Da:Pietre e Utopie www.santhers.com

Altre opere di questo autore