ANITA

Aveva cinquant'anni e tanto amore sprecato nelle vene e la gioia vinceva con effige sul viso luminoso e tanta voglia d'amare sincera in cambio del nulla Le rughe erano tutte scolpite in rigagnoli sull'anarchico cuore e l'anima libera ingenua non le leggeva come non si legge l'et? di una rondine giocosa in volo che fino all'ultimo si spegne sul tetto dei sogni di ognuno e nel vento la voce musica combinata tra gioia e muto dolore rifiutata da analfabeta d'amore Mor? scialba ai bigotti ma contenta perch? in ognuno aveva colto un sogno e un sorriso che nessuno ricordava ..si riconosceva Io l'amo ancora per avermi messo al primo posto e geloso perch? voleva essere circondata dall'affetto di ognuno ..cioa Anita tu credente mi vedrai io morir? soltanto con la pretesa di una tua foto sul petto ........amen........ --------------------- Da:Voci scomode www.santhers.com

Altre opere di questo autore