Desaparecidos

Preghiere in nuvole che hanno le ossa secche dal vento per i cuori asciutti di noi madri Datemi una scala verso il cielo con gradini di parole per riprendere mio figlio desaparecidos in questa Argentina di lacrime che se scendessero darebbero una traccia forse diventerebbero filo di ombelico A Dio che ha visto tutto oltre alla separazione e la sparizione nei gesti dei carnefici rimprovero solo il silenzio pi? che la scomparsa perch? in una qualsiasi fossa ogni madre ci pu? mettere un fiore e due occhi perch? il grande dolore ? non aver sentito l'ultimo urlo del richiamo mentre io pregavo a voce alta Come un vulcano saturo del calore delle anime la storia erutta i morti e cataloga le loro foto sorridenti in una bacheca per le visite guidate dal dolore di turisti alternativi alla vita Sono le madri dei desaparecidos --------------------- dal volume:voci dall'inferno

Altre opere di questo autore