Preghiera di un ateo

Oh! Dio prestigiatore dei poveri quelli che ti hanno riso senza denti ti prego,falli cadere nel sogno in un sonno senza risveglio mandali via da questa terra che ha eruttato pietre e letame sul loro destino scritto con inchiostro di sangue diverso portali tra le stelle lontano dai confini che non hanno potuto mai varcare ti prego non dargli un condominio almeno una villetta a schiera magari con un albero di ciliegio con quell'usignolo che gli hanno sparato perch? li faceva un po felici con poco falli stare senzaq pigiama celeste dagli due scarpe e un vestito gessato che non hanno mai avuto falli abbracciare da una donna spogliata sotto un lenzuolo di seta magari nascondigli il sole impietoso che per tutta la vita non ha confuso coi riflessi le loro vergogne le loro miserie oh!...pensaci Signore... -------------------------dal volume:amori scaduti di un essere qualunque

Altre opere di questo autore