VENTO

Come fiato di anime riunite in lotta per affermare i lamenti alle pene inadeguate ai peccati il vento schiaffeggia le corruzioni di vivi mischia nei vortici implori e bestemmie con abbaiare di fame o lucri di finte assoggettate a spietati padroni che della razza vantano l'orgoglio Ali di coltelli le foglie di canne tagliano le gole alle anime mentre il sottile tronco si piega si inchina frusta il volere di Dio I mpazziti alcuni animali sanno che i loro odori giungono a bocche insultate sollecitate da stomaci vuoti Bianchi assassini i gabbiani volteggiano aspettano onde per lanci di pesci I capelli chiudono gli occhi agli amori per farli sognare gi? persi e si abbracciano forte per sentirsi ritrovati nei passi che l'invisibile furia gli impone Vento questo nulla invisibile che mischia le carte e mette in gioco i destini le anime perse nelle vite gi?...precarie... --------------------- dal volume: voci dall'inferno

Altre opere di questo autore