SU UN FOGLIO

Stasera stendo la vita su un foglio di carta trafiggo l'anima e la coloro di inchiostro Metter? in ogni parola un lembo di cuore avariato di insulti lo seccher? col silenzio che mi diedero indietro le pene d'amore tra l'ilarit? di chi vide il mio sangue spegnere gli occhi mettere le radici del tempo sul volto di un apparente sereno Provo a fermare in questa penna che sputa veleno le follie che mi misero fretta i roventi carboni dell'ansia ma vedo nel calco di questa bianca pianura l'anemia di vite molli memorie di acqua col volto di ieri che non si somigliano pi? e nulla...possono darmi a voi lettori il sogno di rifarci un destino da inseguire col vostro ----------------------- Da: Soste precarie www.santhers.com

Altre opere di questo autore