MAESTRALE

Gelide ire 
si rincorrono,si fondono
inzuppate 
suonano piante
conciano visi
elettrizzano capelli
scippano respiri
trebbiano parole
bussano ai pensieri
asserragliati negli occhi

Ghigliottine del cielo
nuvole
si giocano orologi
rintanati nelle maniche
azzittiti da starnuti

Bandiere d'ogni patria
indumenti sventolano rese
a nasi in avamposti trincerati

In mare, ingranaggi alla paura
onde ruotano 
mute di lune degli oroscopi

Tetti, crocevia di ladri invisibili
entrano nelle case
rubano segreti di amori sordi
e li regalano alle voci
perse nei rumori

Croci le ali
inseguono redentori
poi s'appendono agli sguardi
e segnano quattro punti cardinali

Bocche sfuggite alla ragione
soggiogate da specchi liquidi
scambiano polvere per farina

Tossisce il domani
un lampo
fischia un gallo di ferro
sul comignolo
-chiama la pace
---------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

Altre opere di questo autore