VECCHIO FIENILE

Ragnatele,vele di pensieri
orfani d'approdi
incollano residue pagliuzze triturate 
sollevate da topi e sbatter d'ali
di gufi licenziati da presagi

Finestre paralitiche
infilzate da spade di luce
scarnificano indomiti ricordi
di vecchi bambini 
quando giocavano a capriole sul fieno
e a calcarlo felicitava adulti

Giaciglio di fantasie d'adolescenti
con parrucche di lupinella e trifoglio
si dichiaravano al primo amore
con scarpe parlanti

Tegole,imbalsamate ad inseguirsi
su schiene di tavole curvate
e alcune sovrapposte
con fosso alle spalle,puntano al cielo
pregano a retrocedere

Ancora lucidato da calli
con un dente ribelle
un forcone bisturi a muggiti
in carestie d'inverno

S'avverte nell'aria
l'inquietudine degli avi
la dispensa dei ricordi 
ha tarlo nelle travi
ossa di cognome
---------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

Altre opere di questo autore