LA MOKA

Al fuoco erutti

rosolio a mille umori

regina tra le tazze

dai a ognuna un tepore

incantato da cucchiai

a giro di'aggiusti

di zucchero a palati

vegliati da rimproveri

e palpebre da traino

ad assensi a relax

o sproni a scalare il giorno

-Moka, biblioteca di voci

e segreti inconfessabili

a se stessi

-A volte svuotata di caffè

e riempita di risate e pianti

e poi lavata a voltar pagina

-Un giorno arriva un medico

e ti dà tutte le colpe

del tempo e del destino

e ladra dei gesti

regalati all'anima

non riconosciuta più

dai volti

-Finisci stipata

effige a ricordi

poi man mano a ingombro

e se va bene ti spoglierà

un rigattiere

---------------------------------

Da:Quando Gli Alberi Si Rifiutano Di Ospitare Le Foglie

www.santhers.com

Altre opere di questo autore