DISPERDERMI NEL VUOTO

Non voglio disperdermi nel vuoto di inutili silenzi e di musiche lontane. Nel debole cono di luce ho visto esili mani sfiorare corde d' argento tese tra legni dorati. Chi sei? ".........." No, adesso, non dirlo rimani, incantami ancora al suono del tuo violino. Rapiscimi ai grigi giardini di sabbia ai fiori di pietra, e poi, poi potrai anche chiamarmi amico! Addio Mike

Altre opere di questo autore