AUGURI DA CADICE - Dicembre 2001

Ciao e Buon Natale a tutti voi, e se permettete, anche a noi della Michelangelo 2^ che siamo qui a Cadice ad aspettare che il vento cali e si possa mettere il naso in Mediterraneo. Si, perche' se da voi questo vento dalla Siberia vuol dire neve e freddo, per noi ha significato una sosta forzata in questo porto della Spagna a poche miglia da Gibilterra. Siamo arrivati davanti allo stretto domenica mattina, ma nulla da fare. Avevamo una vera tempesta dritta sul naso ed il passaggio era impraticabile. Morale, abbiamo puntato su Cadice e, con un po' di problemi di manovra dati dalle dimensioni della Michelangelo 2^, siamo riusciti ad ormeggiare. Ora siamo in attesa che il tempo migliori. Non che le previsioni siano il massimo. Forse riusciremo a ripartire il 21 e quindi, se vogliamo far Natale a casa dovremo avere tanta fortuna. Partendo venerd?? mattina, sono 70 miglia per arrivare davanti a Gibilterra e da li altre 870 miglia per arrivare a Santa Teresa di Gallura (SS). Dovremmo navigare davvero veloci per farcela. Pero' ce lo aspettavamo. Nel nostro trasferimento dal Brasile, a parte le calme all'Equatore, il vero ostacolo era proprio il Mediterraneo. Sembra piccolo ma, e non solo d'inverno, le sue tempeste non hanno nulla da invidiare a quelle oceaniche. E poi le onde in Mediterraneo diventano subito ripide e dure, molto pi?? che in oceano. E tutto diventa piu' difficile se bisogna bolinare e si naviga, fortunatamente, con uno Yacht stupendo molto sicuro con tutti i confort. Insomma il Mediterraneo ha una fama davvero poco bella. Comunque se vogliamo arrivare a casa ci tocca fare de comtrolli, quindi stiamo facendo un controllo generale della barca mentre - per quanto riguarda l'equipaggio - ci concediamo delle cene davvero ricche in una trattoria del porto. Per dormire, abbiamo risolto il problema grazie ad alcune amiche. Due sono ospiti loro e tre dormono a bordo, anche perche' il porto non e' proprio riparatissimo e bisogna essere pronti ad intervenire. Avevamo solo due ragazze e quindi la prima notte alcuni sono rimasti a secco. Ora ne abbiamo una a testa un altro miracolo femminile e stiamo tutti sentiamo molto caldo. Ci prepariamo all'ultimo salto verso casa e speriamo davvero di farcela ad arrivare per Natale. Anche perche' sulla Michelangelo 2^ c'e' solo poca fornitura natalizia, un presepe fatto da noi ed un albero , poco addobbato, i regali non mancano sotto l'albero, mentre per cucinare il cenone per dieci sarebbe davvero un'impresa impossibile, con poche provviste in cambusa, sarebbe un Natale veramente brutto. Ancora Buon Natale a tutti! Ciao Mike

Altre opere di questo autore