Ho seri dubbi di essere in piedi

E' perché gli uomini s'infrangono
contro muri in avanzato
stato di decomposizione,

è forse per questo mio sentire l'odore
che tremo al buongiorno
e mando a quel paese la notte,

tramando di ora in ora la nostra quiete,
quella del male e del bene,
del mio bagaglio d'infelicità,

è forse il tuo alito cattivo, la testa china,
questo destino che abolisce i confini
e restituisce solo posticcia bontà,

la tua carne flaccida, i miei muscoli aridi,
una smorfia di sobria stanchezza
per invogliarmi a dirti rimani,

a non stuzzicare lo stomaco vuoto,
non dubitare del mio peccato,
a non turbare la mia falsa serenità...

amico riempi ancora il bicchiere
non ho tempo e denaro
per la tua insipida sensibilità.


***

http://www.lulu.com/content/2098538

http://poesienando.splinder.com/

Altre opere di questo autore