Gli amanti sanno dimenticare

Dopo la notte
regalo al tempo le mie lancette,
dopo la malattia sudo sempre
ed infilato in questo tassì
mi rincuora il tuo viso, la mano accogliente
davvero felice alle dieci del mattino
mentre si cerca un posto dove mangiare...

dopo il tempo non conta niente
non sento più la gente e nemmeno la febbre,
dopo l'amore non ho più la fronte rugata,
non ho sonno, nemmeno voglia di tristezza,
mi addolcisce il tuo sorriso
e non ho paura di svegliarmi.

Non posso trattenerti, nemmeno consolare,
non posso fare nulla se non assecondarti,
voglio solo non scendere mai da questo tassì
voglio addormentarmi sulla schiena nuda
ascoltando la tua voce
ed il mio respiro che penetra dalle tue labbra...

non voglio essere un idiota
che muore per sognare ancora un'altra volta
davanti alla televisione
avendo obliterato il biglietto per il ritorno...

sono sempre così contenti gli amanti per le strade
quando si perdono per la città
si raccontano che non esista la malinconia
e dimenticano il tempo per tornare.


***

http://poesienando.splinder.com/

Altre opere di questo autore