Stupidi innamorati


Si scelgono sempre
gli amori sbagliati,
quelli tremendamente
per il cuore giusti,
inesorabilmente tormentati,
impossibili da vivere e restare eterni,
eppure desiderosi di caderci dentro
felici di perdersi e ritrovarsi,
cattivi se lontani piangenti e diversi,
stupidi perché sicuramente
vicini e dispersi,
dal sentirsi addosso, inebriati la pelle,
i capelli dorati ed i baci cercati,
le mani tremanti, i seni desiderati,
quei fianchi morbidi
e nel buio vellutati,
leggeri, stupiti della magia del vento
perché irraggiungibili,
stupidi, innamorati,
una volta ignorati,
per sempre invidiati.

14.08.03

Altre opere di questo autore