La rosa che non colsi

La pelle impazzita
di colpo calda e fremente
si scosse a un timido soffio del vento
mentre gli occhi negli occhi erano fiamme nel fuoco
erano immagini di corpi intrecciati come destini.
Poi
un alito appena
liberato dal tuo passo leggero che sfugge
frustrò la mia mente
animò la rabbia
il rimpianto
per quell'avventura sognata
poi svanita in un nulla di niente.

Altre opere di questo autore