Timidamente

Leggere le tue linee nella penombra. Io le seguo con le dita mentre tu tremi appena. Mi riempi il petto di un'indicibile sensazione, e cerco invano di distrarmi. Chiss? cosa pensi ora, di questa favola nostra, di questo tamburo che batte nel mio petto, di questi occhi che non vedono altro. Ho paura. Paura che qualsiasi parola esca dalla mia bocca rovini questo incanto. Il profumo sul collo tuo mi confonde, bramo un tuo tocco ancora, le tua labbra sul mio corpo, le mani tue sulle mie mentre ti stringo forte. Poi faccio un sospiro, scaccio questo timido me stesso, e mentre prego che la mia voce non spaventi questo sogno, sussurro "ti amo" teneramente al tuo orecchio.

Altre opere di questo autore