Dopo la tempesta

L'attimo che vivi lento, dopo la tempesta, avvilisce l'anima fragile col dubbio. Sensazioni senza nome, senza scopo ne ragione, congelano la felicit?. Placati quei gemiti e sospiri, sopito quel muscolo che pazzo batteva in petto, ecco amara la paura che tutto ci? non fosse amore. Vuoi voltarti, stai per farlo e lo farai, ma in quell'istante cos? breve, di pensieri soffocanti, speri e preghi che quel viso ti rassicuri e col sorriso ti riscaldi. ..un attimo ancora, sorridi timida di speranza, mentre finalmente senti stringerti fra forti braccia. Il dubbio ora non ? mai esistito, carezzi dolce quella pelle, e mai pi? felice vivi il tuo amore, e il tuo cielo in una stanza.

Altre opere di questo autore