Pioggia d'estate

Quando le grigie nuvole,

capricciosi scarabocchi

di bambini in gioco,

decidono di lavarsi il viso,

gonfie come palloncini candidi

rotolano nel cielo

Danno la mano al vento

chiamando il sole timido,

giocano coi suoi raggi,

pastelli colorati

corrono e si nascondono

dietro l'arcobaleno

Sembra che le pozzanghere

fino ad allora torbide,

diventino specchietti

per quelle birichine

che con fare smorfioso

si mirano il sorriso.

Altre opere di questo autore