A testa china

A testa china
la pelle all'apparenza

cedo ai suoi bisogni
alla fiamma della voglia

è seta rossa
stagliata in falce
a cadenzate lune.

E' precipizio a polsi tesi
è corda che mi stringe

elogio
e doloroso sacrificio

di rami spogli
e oro intenso.

A lui che incenerisce il cuore
di bocca rivelata
di volontà respinta.

Lui
amante dei mandorli in fiore.

Altre opere di questo autore