La notte e il giorno

La notte
il giorno

mani aperte
eppoi chiuse

il calore che si espande
diventa grumo
soffio di vento

e ricopre
rosso
sincopato
come un'onda.

E' sangue acceso
tende le braccia
sono sensi acuiti

note che sfumano
catene che si stringono

e sono lame d'acciaio
dita che esplorano
tagliano frugano

su un equilibrio
precario
incerto
indistinto

che si fa fiore reciso
a me
che mi nutro di te

per vivere.

Altre opere di questo autore