Solitudine

Punto limite dell' orizzonte dove la realt? si annulla. Trasparenza del ghiaccio, freschezza di una distanza intima, incolmabile, fluire e rifluire nell'onda della tua voce. Creazione della parola per trovarne l'enigma, l'origine. Parole le labbra che imprimono un bacio. Monolite che affiora nell'immensit? del pensiero; trovare sequenza nei versi, -trait d'union- tra fantasia e realt?. Colonne di un tempio, precariet? maestosa che il tempo corrompe. Immagine solitaria (unica?) che aleggia nel vuoto di un viso irreale. Sostanza invisibile, luogo di verit?, creazione che il pensiero trasforma e traccia segni sul foglio. Ombre di gabbiani cullate dall'onda. Scogliera del tempo che passa, ventaglio di schiuma di un trepido assalto dove i flutti dei giorni sono schizzi nell'aria che il vento disperde. Solitudine, felicit? che scivola via in un battere di ciglia. E negli occhi, compare...scompare il regno ermetico dell' anima, nell' infinito che in me si chiude, o forse no.. si schiude. Outrage

Altre opere di questo autore