semplice


...fu allora che vidi una macchia rossa
affacciarsi sulla volta del cielo

la vidi riflessa sugli atomi della polvere
adagiati sul terreno

specchiarsi sbordandone gli argini
sulle acque e sui fondali

sembrava inondare ogni cosa
senza tralasciare nulla

mi travolse con una tale intensità
che dovetti lottare contro di essa

la sentivo premere contro di me
sembrava volesse impadronirsene
senza vergogna alcuna

nè vinti nè vincitori
solo esausti e infelici

allora compresi che dovevo amarla
dovevo lasciare che facesse il suo corso
come un'ondata di maltempo

dovevo annegare in quel rosso sangue
immergermi completamente

così che il cielo facesse tutt'uno con la terra
mi sentii compressa inutile
impotente e quasi invisibile

era solo la vita a pulsare in me
...la vita, non puoi non amarla
semplice

Altre opere di questo autore