al mercato

 

       dove sei

      dolce fanciulla

      che degli occhi

      non conobbi mai il

      colore

 

      dove sei

      perduta fra mille e mille

      pensieri che il mare non

      può contenere

 

      dove sei

      a cercare qualcosa che

      già porti dentro te

 

      dolce fanciulla che l'anima

      dorata non t'ha mai dimenticata

 

      dolce e fraintesa

      dove sei?

 

      non aver paura 

      sono mostri di cartapesta 

      a sferrarti quei colpi

      piegata su te stessa

      li libererai altrove

      non riguardano te

      se vuoi, solo se vuoi

 

      metti l'abito migliore

      lascia entrare la luce

      splende già dentro te

 

      allontana le ombre ambigue

      che si fanno gioco di te

      le verità si nascondono

      per rendere più complesso

      il cammino

      ma non farti ammaliare

      da quel falso perbenismo

      da quella falsa tranquillità

      da quell'accumulo di materie

      che presto bruceranno al sole

 

      dolce fanciulla

      non dimenticarti di te

 

      raccogli i dolori e fanne collane

      e non portarle al mercato

      non potrebbero capire

 

Altre opere di questo autore