notte fragile

no, non raccolsi
quelle lacrime dense di diamanti
per ricamarne lenzuola di seta

e avvolgere il freddo persistente
che non mi ha mai lasciato

e la notte.....
quali sogni pullulano la notte
quando il cuore è in riserva
chiuso nel guscio di un irritante
volgare protagonismo?

oh, se avessi dato retta
alla luce delle stelle
alla loro confortante serenità
se avessi avuto fede nell'azzurro
vellutato del cielo....

non avrei cercato riparo nelle
grate inossidabili di un
conformismo senza dignità

Altre opere di questo autore